Scuola di sopravvivenza: Missione safari, Bear Grylls torna su Netflix

Scuola di sopravvivenza: Missione safari, Bear Grylls torna su Netflix

Bear Grylls, l’avventuriero nordirlandese celebre per il ruolo da protagonista in Man vs Wild (L’ultimo sopravvissuto), dopo aver legato per anni il suo nome a National Geographic con il docu-reality Bear Grylls: Celebrity Edition, è pronto a una nuova sfida. Stavolta, infatti, lo vedremo prendere parte a Scuola di sopravvivenza: Missione safari, un film interattivo diretto da Ben Simms, disponibile in esclusiva su Netflix dal prossimo mese. Per conoscere la trama, il cast e la data di uscita della pellicola, vi rimandiamo a questo nostro approfondimento.

Bear Grylls, dove eravamo rimasti?

Dai 90 secondi del trailer del nuovo film, sembra proprio che Bear Grylls non ne voglia sapere di vivere una vita più tranquilla, lontano dai pericoli che si possono manifestare in qualsiasi momento nel mondo della natura. E così, tra folli corse per scappare da un leone in fuga, costruzioni di improbabili (per le persone comuni) zattere e sorprese spiacevoli dentro l’acqua, il noto esploratore cresciuto nel Donaghadee ci ricorda come è diventato una star televisiva, in particolare all’estero.

La sua apparizione più recente è nello speciale interattivo You vs Wild, disponibile dall’aprile 2019 su Netflix: impossibile non (ri)citare Man vs Wild, la serie televisiva trasmessa in Italia su Discovery Channel (su Sky) e Dmax (in chiaro), a cui You vs Wild è chiaramente ispirato.

📰 Segui Tutto.TV su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando la stellina

Alcune curiosità su Bear Grylls

In attesa dunque di vederlo all’opera nel nuovo film interattivo di Netflix intitolato Scuola di sopravvivenza: Missione safari, ecco alcune curiosità sul conto di Bear Grylls:

  • dopo essersi laureato all’Università di Londra, si è arruolato nell’esercito indiano, per poi entrare a far parte della SAS (Special Air Service, corpo speciale dell’esercito britannico)
  • all’età di 23 anni raggiunge la cima dell’Everest, diventando così il più giovane britannico a riuscire in un’impresa simile
  • dodici mesi prima della scalata alla vetta più alta del mondo, Bear Grylls aveva riportato la frattura di tre vertebre a seguito di una rovinosa caduta in una sessione di paracadutismo in Sudafrica

Potrebbe interessarvi anche: Lupin, tutto quello che c’è da sapere sulla nuova serie Netflix

Condividi

Federico Pisanu

Appassionato di viaggi, da bambino volevo fare l'astronauta. Svanito il sogno aerospaziale mi sono appassionato alla scrittura, soprattutto in ambito tecnologico e televisivo. Per visione e mentalità sono inoltre affascinato da Steve Jobs e Michael Jordan.

Lascia un commento