Star su Disney+ aumenta il prezzo? Quanto costerà a chi è già abbonato

Star su Disney+ aumenta il prezzo? Quanto costerà a chi è già abbonato

A partire dal prossimo 23 febbraio l’offerta di Disney+ si arricchirà con l’arrivo di Star (qui tutto quello da sapere, con i primi titoli disponibili). L’avvento del nuovo brand per un pubblico più adulto comporterà però anche un aumento dei prezzi dell’abbonamento, sia quello mensile che annuale. L’annuncio risale allo scorso 10 dicembre, in occasione dell’Investor Day, durante il quale il colosso di Burbank ha anche presentato ufficialmente la sezione Star. Sebbene in un primo momento il rincaro per il nostro Paese non fosse stato confermato, in questi primi giorni del nuovo anno è arrivata la conferma che tutti si aspettavano: anche in Italia il prezzo dell’abbonamento è destinato a salire.

Aumento abbonamento Disney+: a quanto ammonta il rincaro con Star

L’abbonamento mensile di Disney+ passa da 6,99 euro a 8,99 euro, mentre quello annuale da 69,99 a 89,99 euro. Dunque, il rincaro è di 2,00 euro per il piano che si rinnova di mese in mese, e di 20,00 euro per quello che prevede una durata di un anno.

Come confermato durante la conferenza stampa di inizio dicembre, l’aumento scatterà a partire dal 23 febbraio, data in cui farà il suo debutto la sezione Star, che andrà ad affiancare i brand Disney, Pixar, Marvel, Star Wars e National Geographic.

📰 Segui Tutto.TV su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando la stellina

Cosa cambia per i già abbonati a Disney+?

Una volta appurato che il rincaro scatterà anche in Italia, le persone che hanno già sottoscritto un abbonamento a Disney+ si stanno chiedendo cosa comporterà per loro l’arrivo di Star: subiranno anche loro l’aumento rispettivamente di 2 e 20 euro, oppure potranno continuare a pagare il prezzo per cui hanno firmato il contratto in precedenza?

Stando alle prime indiscrezioni provenienti dagli stessi utenti che hanno contattato in questi giorni l’assistenza Disney+, sembrerebbe che per chi è già abbonato non ci sia alcuna differenza da pagare per beneficiare della visione di Star, il cui pacchetto di contenuti sarà incluso in automatico all’interno del catalogo disponibile nella piattaforma streaming. Questo almeno per i primi tempi, precisamente per 6 mesi: secondo infatti altre indiscrezioni più dettagliate, sembrerebbe che il rincaro dei prezzi stabilito da Disney+ colpirà anche coloro che hanno sottoscritto l’abbonamento prima del debutto di Star a partire dal prossimo 23 agosto.

Che cosa significa questo? Facciamo un esempio pratico per capire in che modo l’aumento dell’abbonamento Disney+ interesserà gli utenti già abbonati. Se il vostro abbonamento annuale scade a fine marzo (è il caso degli utenti che si sono abbonati nei primissimi giorni dopo il debutto ufficiale della piattaforma in Italia, datato al 24 marzo 2020), potrete rinnovarlo alle condizioni economiche pre-Star, vale a dire 69,99 euro: inizierete dunque a pagare 89,99 euro al primo rinnovo utile nel 2022.

Qualora invece l’abbonamento scada dopo il 23 agosto, per rinnovare l’abbonamento dovrete da subito spendere 89,99 euro per effettuare il rinnovo.

Prima di salutarvi, sottolineiamo come in merito alla data del 23 agosto e al periodo di “tolleranza” pari a sei mesi per i già abbonati non ci sia ancora la conferma ufficiale da parte di Disney+, prendete dunque queste informazioni con le pinze. Il nostro consiglio è quello di rivolgervi all’assistenza clienti (disponibile a questo link) per assicurarvi che le cose stiano realmente così.

A tutte le persone che invece ancora non hanno sottoscritto l’abbonamento e sono interessate a farlo, suggeriamo di abbonarsi subito a Disney+ per risparmiare sui prezzi che saranno applicati dal 23 febbraio.

Abbonati ora a Disney+ (clicca qui)

Condividi

Federico Pisanu

Appassionato di viaggi, da bambino volevo fare l'astronauta. Svanito il sogno aerospaziale mi sono appassionato alla scrittura, soprattutto in ambito tecnologico e televisivo. Per visione e mentalità sono inoltre affascinato da Steve Jobs e Michael Jordan.

Lascia un commento