Onward – Oltre la magia, tutto quello che c’è da sapere sul film Disney+

Onward – Oltre la magia, tutto quello che c’è da sapere sul film Disney+

Onward – Oltre la magia è il ventiduesimo film d’animazione Pixar diretto da Dan Scaldon, conosciuto anche per essere stato il regista di Monsters University del 2013. Si tratta di un racconto fantastico ambientato in un mondo immaginario dove esistono esseri mitologici e magia, ma che ha perso parte del suo fascino a causa delle comodità moderne. Il livello di avanzamento tecnologico in cui è ambientato Onward è simile al nostro, ma l’elemento che lo contraddistingue è il disincanto.

Nonostante il mondo sia popolato da esseri provenienti dalla cultura folkloristica e mitologica di ogni parte del mondo, o quasi, l’elemento magia è stato denaturato dall’avvento della quarta rivoluzione industriale: gli unicorni lottano per rovistare nella spazzatura come cani randagi, e anche qui telefonini e TV catalizzano l’attenzione di ciclopi, elfi e fauni.

Il film trae la sua ispirazione dalla morte reale del padre di Dan Scaldon, il quale ha lasciato lui e suo fratello quando entrambi erano molto piccoli. In seguito è riuscito a sentire la voce registrata del suo defunto padre, una scena che viene ripresa anche in Onward, e che dà l’incipit a tutti gli eventi che si susseguiranno. Nonostante gli ottimi incassi a livello globale, i quali ammontano a 147 milioni di dollari, Onward è il secondo peggior film al botteghino targato Pixar, subito dopo Il viaggio di Arlo: parte dei mancati incassi sono da attribuire alla pandemia globale che ha sicuramente ridefinito al ribasso l’affluenza ai botteghini.

🗣️ Segui Tutto.TV su Facebook, clicca Mi Piace!

Onward – Oltre la magia trama: di cosa parla il film

Il film d’animazione racconta la storia di due fratelli, Ian e Barley Lightfoot, due ragazzi che hanno entrambi perso il proprio padre da giovanissimi, tanto che Ian non riesce neanche più a ricordarlo. La madre single Laurel, nonostante le difficoltà, è riuscita comunque a tirar su due ragazzi in gamba: Ian è un po’ insicuro ma dotato di grandi capacità che neanche lui sa di possedere, mentre Barley, il fratello maggiore, ha da sempre protetto il fratellino un po’ come se fosse suo padre.

L’intero film è ambientato in un mondo fantastico popolato da creature leggendarie appartenenti alle storie di folklore e all’immaginario collettivo: elfi, draghi, unicorni, ciclopi, fauni, fatine e centauri sono la normalità, così come la magia. Proprio questo ultimo elemento fantastico, però, scarseggia nel mondo di Onward: il progresso tecnologico e gli agi di cui gli abitanti si sono dotati hanno reso l’apprendimento della nobile arte della magia estremamente difficile e quasi dimenticato, in favore di strumenti tecnologici più utilitaristici e facili da manovrare.

Il giorno del sedicesimo compleanno di Ian però la madre Lauriel fa una sorpresa speciale a entrambi i fratelli: il padre, prima di morire, ha lasciato per loro un regalo molto particolare da consegnare quando entrambi avessero compiuto i sedici anni. A quanto pare, il padre di Ian e Barley era un profondo conoscitore della magia e stregone, e ha lasciato ai propri figli un bastone e una gemma dal potere straordinario: grazie ad un incantesimo evocativo possono infatti riportare in vita il defunto padre, Wilden, ma soltanto per 24 ore. Barley prova subito a lanciare l’incantesimo ma non ottiene alcun risultato, mentre sembra che Ian abbia una certa affinità con la magia, riuscendo ad iniziare l’incantesimo.

onward - oltre la magia

Purtroppo, a causa della sua insicurezza, riesce ad evocare soltanto la metà inferiore del corpo di Wilden, consumando l’intera gemma magica nel processo. Per poter completare l’incantesimo e passare una giornata insieme al proprio padre è necessario procurarsi un’altra Gemma di Fenice, che però non possiedono. I due fratelli quindi, a bordo del furgone Ginevra di Barley, si lanciano alla ricerca della gemma nel tentativo di terminare l’evocazione prima che il padre Walden scompaia per sempre, esaudendo il suo desiderio di conoscere i propri figli.

Onward – Oltre la magia: cast, attori e personaggi

Trattandosi di un film d’animazione, non è presente un vero e proprio cast, pertanto di seguitro elenchiamo tutti gli attori che hanno prestato la propria voce per i personaggi di Onward – Oltre la magia:

  • Tom Holland: Ian Lightfoot, un elfo adolscente, fratello minore di Barley e figlio di Wilden e Laurel;
  • Chris Pratt: Barley Lightfoot, il fratello maggiore di Ian e figlio di Wilden e Laurel;
  • Julia Louis-Dreyfus: Laurel Lightfoot, la madre dei fratelli Lightfoot vedova di Wilden;
  • Octavia Spencer: Corey, leggendaria manticora avventuriera ora in ritiro e attuale gestore del ristorante “La Manticora”, si rivelerà di fondamentale aiuto per la missione di Ian e Barley;
  • Mel Rodriguez: Colt Bronco, poliziotto centauro e fidanzato di Laurel;
  • Kyle Bornheimer: Wilden Lightfoot, il defunto marito di Laurel e padre di Ian e Barley, a causa dell’incantesimo a metà appaiono soltanto le sue gambe fino alla fine del film;
  • Lena Waithe: agente Spencer, un ufficiale di polizia ciclope;
  • Ali Wong: agente Gore, un agente di polizia fauno;
  • Grey DeLisle: Dewdrop, fatina leader della gang di motociclisti Pixie Dusters
  • Tracey Ullman: Grecklin, goblin proprietario di un banco dei pegni;
  • Wilmer Valderrama: Gaxton, un ufficiale di polizia elfo;
  • John Ratzenberger: Fenwick, un operaio edile ciclope.

Il riadattamento in italiano invece ha coinvolto, oltre a doppiatori, anche attori e protagonisti del mondo dello spettacolo e della radio. Di seguito l’elenco completo dei doppiatori italiani di Onward:

  • Alex Polidori: Ian Lightfoot;
  • Andrea Mete: Barley Lightfoot;
  • Sabrina Ferilli: Laurel Lightfoot;
  • Francesca Guadagno: Corey;
  • Enzo Avolio: Colt Bronco;
  • Fabio Volo: Wilden Lightfoot;
  • Guendalina Ward: agente Spencer;
  • Micaela Incitti: agente Gore;
  • Delal Suleiman: Dewdrop;
  • Graziella Polesinanti: Grecklin;
  • Massimiliano Manfredi: Gaxton;
  • Renato Cecchetto: Fenwick.

Onward – Oltre la magia: quando esce su Disney+

Il film d’animazione doveva uscire inizialmente il 6 marzo 2020 nelle sale cinematografiche statunitensi, ma a causa della pandemia globale la premiere è stata posticipata al 20 marzo 2020.  Qui in Italia si sarebbe dovuto vedere al cinema nelle settimane successive, ma la data è stata più volte rinviata, fino al 19 agosto 2020, data in cui finalmente Onward è stato programmato nei cinema nostrani.

Diversi invece i tempi per la distribuzione in streaming: essendo un titolo prodotto dai Pixar Animation Studios in collaborazione con The Walt Disney Pictures, la piattaforma su cui è stato distribuito Onward è Disney+. Qui in Italia il titolo è disponibile sul servizio in streaming dell’azienda resa famosa da Topolino a partire dal 6 Gennaio 2021.

Il trailer di Onward – Oltre la magia

Dopo avervi presentato la trama e il cast, ecco il video che la Disney ha pubblicato sui social come trailer ufficiale di Onward – Oltre la magia.

Dove guardare Onward – Oltre la magia

Il film d’animazione Onward – Oltre la magia in streaming è disponibile in esclusiva per la piattaforma Disney+, una scelta che non stupisce dato che il titolo è stato realizzato con la co-produzione di The Walt Disney Company. Per chi non conoscesse il servizio in streaming è paragonabile ai vari Netflix, Amazon Prime Video, Now TV e Infinity TV, con un’ampia offerta di serie TV, film e documentari oltre a titoli in esclusiva Disney, Marvel, Lucasfilm, Pixar e National Geographic.

Il servizio in abbonamento costa 6,99 euro al mese / 69,99 euro l’anno, ma un rincaro è previsto a partire dal prossimo 23  febbraio 2021: si passerà quindi ad un costo di 8,99 euro al mese / 89,99 euro l’anno. La visione di Onward – Oltre la magia è gratis per gli abbonati a Disney+, ed avrete anche una prova gratuita di 7 giorni: potete iniziarla cliccando qui.

Abbonatevi ora a Disney+ per guardare Onward – Oltre la magia

Potrebbero interessarti anche: Soul, il film capolavoro di Natale in esclusiva su Disney+

Condividi

Giuseppe Spe

Lascia un commento