Pomeriggio 5, Guendalina Tavassi: in lacrime non si presenta in diretta

Pomeriggio 5, Guendalina Tavassi: in lacrime non si presenta in diretta

Un’altra settimana ricomincia ed ecco che torna anche Barbara d’Urso con il caffeuccio da bere in compagnia di ‘Pomeriggio 5’. La conduttrice napoletana, dopo aver fatto le ore piccole a causa della puntata di ieri sera di ‘Domenica Live’, terminata ben oltre l’una di notte, eccola pronta a parlare di una notizia scottante che riguarda la ex concorrente del Grande Fratello Guendalina Tavassi.

La web influencer romana, infatti, ha comunicato sul proprio profilo Instagram, mediante delle stories, che qualcuno le ha hackerato il cellulare, mettendo in rete alcuni video intimi che riguardavano lei e il marito Umberto D’Aponte. Una serie di storie che l’hanno ritratta disperata e in lacrime. Oltre a informare i follower che aveva sporto denuncia alle autorità competenti, la Tavassi, ha anche chiesto aiuto ai fan chiedendo la gentilezza di non guardare determinati video che la riguardano.

“Ragazzi aiutatemi vi prego, chiunque sta facendo circolare quei video è stato denunciato. Questo è un reato, mi hanno hackerato il telefono, erano delle cose personali, dei video, sono cose che ognuno di noi può fare quello che vuole, tutti noi abbiamo delle immagini simili sul telefono. Sono cose nostre, è la nostra vita privata.”

La ex concorrente del GF ha ricevuto molta solidarietà dai follower, che ha prontamente ringraziato con un post sui Social. Nel contenuto, inoltre, ha anche scritto che sta passando delle giornate terribili, che è molto doloroso vedere la propria vita privata spiattellata a tutti e che ha paura che le figlie possano subire ripercussioni e minacce a causa di questi video che stanno circolando in rete.

📰 Segui Tutto.TV su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando la stellina

“Devo essere un esempio per tutte quelle donne e ragazze che si trovano nella mia stessa situazione e non hanno il coraggio di uscire di casa o pensano di levarsi la vita per rimediare. Devo essere un esempio per tutte quelle donne e ragazze che si trovano nella mia stessa situazione e non hanno il coraggio di uscire di casa o pensano di levarsi la vita per rimediare”.

A ‘Pomeriggio 5’, nella puntata di oggi, la trentaquatrenne showgirl romana, avrebbe dovuto raccontare più nei dettaglia a Barbara d’Urso dove, per altro, è spesso ospite in veste di opinionista, quello che sta accadendo a lei e alla sua famiglia, ma non se l’è sentita a causa di quello che sta passando.

Pomeriggio 5, Guendalina Tavassi in collegamento telefonico

Guendalina Tavassi non si è presentata negli studi di ‘Pomeriggio 5’ a Cologno Monzese, nemmeno con un collegamento via webcam. La ex ‘gieffina’ avrebbe dovuto raccontare quello che sta passando ed essere un punto di forza per tutte quelle persone a cui i profili Social sono stati hackerati e si sono ritrovate con frammenti di vita messi alla merce di tutti.

Purtroppo, la Tavassi, non si è sentita bene proprio per il periodo che sta vivendo e si è collegata con il programma ‘Pomeriggio 5’ solo telefonicamente. Una brevissima chiacchierata dove la ragazza prova a raccontare quello che sta succedendo con una voce spezzata dalle lacrime.

“Mi sento malissimo ed è una cosa bruttissima, in quanto non solo mi sento violata e hanno derubato la mia privacy e la mia vita intima, ma non tanto per me. Io sono preoccupata per la mia famiglia, per i miei cari, per i miei figli, per mia figlia la più grande che mi guarda. E adesso lo è venuto a sapere anche mia nonna che non sta bene e la volevo un attimo rassicurare che comunque sono una persona forte e non si deve preoccupare. Non ho fatto nulla di male, perché sono cose private tra marito e moglie e che chi si deve vergognare è chi è riuscito a fare questa cosa schifosa, violando la mia privacy e la mia vita personale. Queste persone devono veramente pagare per tutto questo. Poi ho voluto sfruttare questa cosa con te, Barbara, per aiutare anche le altre persone”.

La telefonata si conclude con la conduttrice di ‘Pomeriggio 5’ che ricorda che ‘rubare’ dei video e metterli in rete senza il consenso del diretto interessato è un reato.

Condividi

Simone D'avolio

Lascia un commento