Il Cantante Mascherato, puntata 5 febbraio: eliminato Baby Alieno. L’identità

Il Cantante Mascherato, puntata 5 febbraio: eliminato Baby Alieno. L’identità

Si è appena conclusa la seconda puntata de Il Cantante Mascherato andata in onda venerdì 5 febbraio 2021. In questa nuova diretta sono state svelate le identità di due maschere. Ad inizio puntata, infatti, è andata in scena la sfida finale della messa in onda scorsa tra la pecorella e il Baby Alieno. Il pubblico votante da casa ha deciso che a svelare la sua identità doveva essere la maschera della Pecorella.

Il Cantante Mascherato: Chi c’è dietro la maschera del Baby Alieno? Ecco la sua nuova identità

Dopo una puntata decisamente più tranquilla rispetto a quella della settimana scorsa, dove la maschera del Baby Alieno si è dovuta ritirare a causa di un malore, poi ridimensionato dagli stessi Ricchi e Poveri che, in collegamento ad inizio diretta, hanno detto che si sentivano mancare l’aria all’interno del travestimento, si è giunti alla fine anche della seconda puntata di venerdì 5 febbraio 2021.

Allo spareggio de Il Cantante Mascherato è arrivata nuovamente la maschera del Baby Alieno, con una nuova identità, e quella della Tigre Azzurra. Il pubblico votante è stato chiamato a esprimere una preferenza da casa, tramite i Social, per decidere quale volto delle due maschere scoprire. Lo spareggio è stato vinto dalla Tigre Azzurra che passa così di diritto alla prossima puntata. Per questo motivo, la maschera che ha dovuto nuovamente svelare la sua identità è stata quella del Baby Alieno dietro la quale questa volta si nascondevano Gigi e Ross.

📰 Segui Tutto.TV su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando la stellina

Anche loro, come i colleghi precedenti che si sono ritirati dal gioco la scorsa settimana, sono durati il tempo di una puntata. Ora che la maschera in questione sembra essere ufficialmente eliminata, possiamo essere liberi di individuare chi si nasconde dietro gli altri travestimenti che si sono esibiti durante il corso di questa puntata.

Condividi

Simone D'avolio

Lascia un commento