Siamo da poco entrati nel 2021, ma le domande sul nuovo DVB-T2 aumentano giorno dopo giorno. Numerose famiglie si stanno chiedendo se devono cambiare il loro apparecchio per continuare a vedere i programmi alla televisione, e soprattutto quando dovranno adeguarsi al cambio stabilito dal ministero dello Sviluppo economico.

In questo articolo spiegheremo cos’è e quando avverrà il passaggio al DVB-T2, in modo da rispondere a due dei quesiti più frequenti posti dagli italiani in quest’ultimo periodo.

Cosa significa DVB-T2?

DVB-T2 è l’acronimo di Digital Video Broadcasting, con il suffisso T2 a indicare la seconda generazione (più precisamente Second Generation Terrestrial). Dunque, la sigla DVB-T2 indica il nuovo digitale terrestre, attraverso cui verranno trasmessi i programmi TV a partire da una data prestabilita.

📰 Segui Tutto.TV su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando la stellina

Dovranno adeguarsi tutte le emittenti presenti oggi nella lista dei canali televisivi: se ci avete fatto caso, alcune di loro stanno già mandando in onda uno o più spot pubblicitari per informare i telespettatori del prossimo switch-off, in modo che quest’ultimi siano preparati per quando il cambio sarà definitivo. Nel corso delle prossime settimane ci si attende anche un intervento in prima persona del Governo, nello specifico della figura del ministero dello Sviluppo economico, che segue da vicino l’iter in oggetto.

Cosa cambia con il DVB-T2?

In concreto, il passaggio dal DVB al DVB-T2 implicherà la possibilità di mandare in onda contenuti più performanti dal punto di vista della risoluzione (fino all’8K), ma anche di trasmettere un segnale più pulito. A tal proposito, specifichiamo che godranno di notevoli benefici tutte quelle persone che fino ad oggi hanno avuto dei problemi di ricezione dell’antenna, a causa dell’elevata distanza tra la stessa antenna e il ricevitore.

Un’altra variazione significativa apportata dal nuovo standard del digitale terrestre ha per oggetto il supporto al Multiple input-Multiple output (Mi-Mo): di conseguenza, il televisore sarà ora in grado di gestire più flussi di dati sia in entrata che in uscita.

Volendo poi entrare in dettagli di natura più tecnica, lo switch-off al DVB di nuova generazione comporterà l’abbandono progressivo delle frequenze della banda 700 MHz in favore di altre porzioni di spettro. Non si tratta di un dettaglio secondario, in quanto la liberazione di queste frequenze permetterà allo Stato italiano di implementare il 5G su larga scala. Alla luce di ciò, è possibile affermare come tale cambio sia in qualche modo “obbligato”.

DVB-T2 fondamentale per l'implementazione della rete 5G

Quando si passa al DVB-T2?

Detto questo, rispondiamo ora a un’altra delle domande più frequenti poste in rete dagli utenti che da tempo si interessano alla questione: quando entrerà ufficialmente in vigore la nuova modalità di ricezione DVB-T2?

Il passaggio al DVB-T2 inizierà dal 1° settembre: a partire da quella data e fino al 31 dicembre di quest’anno lo switch-off interesserà le regioni di Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna; dal 1° gennaio 2022 ed entro il 31 marzo dovranno invece adeguarsi Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Campania e Sardegna; infine dal 20 al 30 giugno del prossimo anno toccherà a Marche, Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia.

Potrebbe interessarti: i migliori decoder DVB-T2 con e senza slot card.