La regina degli scacchi, un fan trova un’errore a tema Marvel e DC

La regina degli scacchi, un fan trova un’errore a tema Marvel e DC

La regina degli scacchi (The Queen’s Gambit, in inglese) è una delle miniserie più apprezzate dagli abbonati di Netflix in tutto il mondo. Passata inizialmente in sordina, infatti, ha scalato le classifiche interne della piattaforma diventato lo show più visto. Ma oggi parliamo di qualcos’alto, di un errore che ha scovato un occhi attente. Niente di particolarmente grave ai fini della storia, ma che a un occhio attento ed esperto non poteva sfuggire.

L’errore a tema Marvel e DC ne La regina degli scacchi

La serie TV La regina degli scacchi racconta la storia di una bambina prodigio degli scacchi di nome Beth Harmon. Rimasta orfana da piccola, vediamo la sua vita dagli 8 ai 22 anni, i quali si spalmano tra la metà egli anni ’50 e tutti gli anni ’60. Venendo ambientata in questo periodo, un fan della Marvel e della DC ha notato un’incongruenza in una scena a livello storico e temporale, appunto.

In un fotogramma, molto velocemente, si può notare un espositore di fumetti risalenti ad epoche più recenti. Qui di seguito, perciò, vi lasciamo il tweet diventato virale grazie al comico Patton Oswalt, il quale ha incitando una class action in modo scherzoso.

📰 Segui Tutto.TV su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando la stellina

Stavo guardando La regina degli scacchi su Netflix la notte scorsa, serie fantastica tra l’altro, e ovviamente ho subito notato l’espositore. Questa scena dovrebbe essere ambientata nel 1963, ma io vedo gli Avengers, Deathstroke e Spider-Man. Fumetti degli anni ’80 e ’90.

Insomma, un piccolo errore temporale che di certo non minerà l’ottima qualità di una miniserie che è stata apprezza in tutto il mondo e che ha dato l’opportunità ad Anya Taylor-Joy (The Witch, Split) di affermarsi e confermarsi nel panorama hollywoodiano.

Potrebbe interessarti anche: Stranger Things 4, Netflix annuncia chi saranno i nuovi attori della serie

Condividi

Nicolò Figini

Lascia un commento