Ieri, domenica 12 marzo 2023, è andata in onda una nuova puntata di Amici 22. Maria De Filippi e i professori hanno annunciato i nomi dei ragazzi che andranno alla fase serale che partirà questo sabato, il 18 marzo. Non solo però. La conduttrice del talent ha anche invitato in studio il direttore artistico: il confermatissimo Stéphane Jarny. Certo è che qualche fan della storica trasmissione ha ammesso di sentire la mancanza del precedente direttore artistico del Serale: Giuliano Peparini. E proprio il noto coreografo ha rilasciato di recente un’intervista per La Repubblica dove ha parlato anche della sua esperienza al talent, con Maria. Scopriamo che cos’ha detto.

Le parole di Giuliano Peparini su Maria De Filippi e Amici

Peparini ha spiegato che Maria De Filippi lo ha sempre lasciato molto libero di decidere e di fare il suo lavoro come meglio credeva ad Amici. Giuliano ha raccontato di essere stato un direttore artistico particolarmente esigente, anche difficile. Si è definito un rompiscatole e ancora ad oggi non sa come la conduttrice sia riuscita a sopportarlo, visto che nemmeno lui riusciva a sopportare sé stesso. Sicuramente il coreografo è un perfezionista ma lui si dice pure insicuro.

Maria mi ha sempre lasciato libero. Ero un direttore artistico molto esigente a tratti difficile. Sono un rompiscatole, non faccio vedere le cose prima, non so come mi abbia sopportato. Non mi sopportavo più nemmeno io. Sono perfezionista e insicuro.

🗣️ Segui Tutto.TV su Facebook, clicca Mi Piace!
Potrebbe interessarti: Dove vedere la replica di Amici 22

Giuliano Peparini tornerebbe mai ad Amici?

Ma Giuliano Peparini tornerebbe mai a fare Amici in qualità di direttore artistico? Lui ha svelato che al programma tv ci tornerebbe anche domani stesso. Nonostante questo lavoro al talent comporti molta stanchezza, visto pure l’enorme palco e la gran quantità di quadri da dover preparare per ogni puntata, è grato a Maria De Filippi perché grazie a lei ha imparato a lavorare con i giovanissimi.

Amici? Lo rifarei domani. Al di là della stanchezza, Maria mi ha insegnato a lavorare con i giovani. Erano 150 quadri a stagione, alla fine avevo bisogno di ricaricarmi.