Rudy Zerbi è stato ospite a Verissimo domenica 4 Dicembre. Durante l’intervista ha raccontato il suo privato, ma anche la sua carriera ad Amici 22.

Il ruolo di Amici

Rudy Zerbi è professore di canto da ormai tantissimi anni nel talent show di Maria De Filippi. Prima ha esordito come produttore discografico, poi quando fu licenziato, venne accolto dalla padrona di casa nel suo programma. Il prof di canto prende molto seriamente il suo lavoro e racconta a Verissimo:

“Amici è una scuola. Io sono come il prof di matematica, di fisica, quello un po’ rompiscatole, però quei maestri lì di solito sono quelli che poi con il tempo si pensa ‘Quello lì, mi aveva detto quella cosa lì’. La disciplina è importante, il rispetto, le regole. Io penso che il ruolo di un genitore e di un maestro sia quello di insegnare a rispettare quelle regole. Non c’è molta differenza tra Rudy coach e Rudy papà”.

“La soddisfazione più grande ce l’ho quando vedo i miei quattro figli che anche se hanno mamme diverse, giocano e ridono tutti insieme”

L’ex produttore Sony ha una famiglia molto particolare: quattro figli maschi, avuti tutti da compagne diverse. Nel salotto di Canale 5 racconta com’è riuscito a far conciliare il lavoro con le sue famiglie:

“La gioia meravigliosa è usare tutto il tempo che ho a disposizione per farli stare insieme, per farli stare uniti. Siamo una grande famiglia allargata. In questi giorni sai qual è il tema principale? C’è una chat nuova che è la cena e il pranzo di famiglia. Farò un Natale in treno riunendo pezzi di famiglia. Abbiamo deciso che festeggeremo tutti insieme a Bologna, e poi con una capatina a Santa Maria Ligure a trovare la nonna”.

Il rapporto con la famiglia per il coach di Amici è molto importante, ricordando la madre spiega:

Mia mamma è una Rudy Zerbi femmina, ancora oggi mi vuole insegnare la vita. A me ancora oggi a 50 e passa anni, mi dice ancora le cose che si dicono a 18 anni”.

Per il prof tanto temuto del programma vincente di Maria De Filippi, il ruolo di genitore è centrale nella sua vita:

“Quando sei figlio a tua volta in una situazione molto delicata, poi sei sempre alla rincorsa di dare qualcosa a loro di quello che non sei riuscito ad avere tu. Tutti vorremmo essere il miglior papà, la miglior mamma, senza renderci conto che in realtà i nostri figli ci amano così come siamo, imperfetti“.

Gli insegnamenti del padre

Rudy Zerbi ricorda il padre Giorgio, non biologico, ma l’uomo che l’ha cresciuto “con l’amore e l’attenzione di un figlio suo”. Gli insegnamenti più importanti che ha avuto da lui sono stati due: innanzitutto che “i figli sono di chi li cresce e non di chi li fa”. Inoltre, l’altra grande lezione del papà è stata:

“In questi tempi così violenti è facile giudicare, puntare il dito, aggredire, anche verbalmente, però io consiglio a tutti, l’ho imparato tardi, prima di giudicare cercate di capire cosa c’è dietro tutto quello che vedete perché c’è un mondo e non è un mondo facile”.