Nella Casa del Grande Fratello Vip 7, gli scherzi sono all’ordine del giorno. Da quando è entrato Edoardo Tavassi, l’atmosfera è diventata ancora più goliardica. Non tutti, però, si prestano volentieri a situazioni simili. Questa mattina, Charlie Gnocchi ha aperto una discussione riguardante ciò che è avvenuto ieri sera. A parer suo, il trattamento ricevuto è stato davvero fuori luogo. Non tutti i suoi interlocutori, però, sono apparsi d’accordo con lui.

GF Vip 7, il brutto scherzo a Charlie Gnocchi: scoppia il litigio

Il risveglio, per i concorrenti del Grande Fratello Vip 7, non è stato affatto sereno. Dopo aver trascorso un po’ di tempo a disegnare in cucina, Charlie Gnocchi ha deciso di affrontare una conversazione che ha turbato l’animo della Casa. Il concorrente ha ammesso di aver trovato di cattivo gusto lo scherzo ricevuto nella serata di ieri.

Edoardo Tavassi, Antonino Spinalbese, Luca Salatino e Luciano Punzo hanno pensato bene di farlo stendere sul pavimento e legarlo, con l’obiettivo di farlo liberare da solo. Alla fine, hanno posizionato anche un calzino nella sua bocca. Alberto De Pisis ha cercato di calmare le acque dicendo di fare attenzione a non fargli male, ma le sue parole sono rimaste inascoltate.

🗣️ Segui Tutto.TV su Facebook, clicca Mi Piace!

La reazione di Luca Salatino ed Edoardo Tavassi

Charlie Gnocchi, nonostante ieri si sia prestato allo scherzo, questa mattina, ha deciso di esprimere tutto il suo astio per la situazione. Sul momento non ci aveva riflettuto molto, però, a mente fredda, si è reso conto della brutta scena realizzata dai suoi compagni di avventura. Non è stato affatto divertente vivere una situazione simile ed è convinto che anche il pubblico non abbia gradito: “Uno al posto mio sbrocca. Vi manda a fare in c**o“.

Luca Salatino ha subito ammesso la sua colpa. Si è dimostrato d’accordo con Charlie in tutto e per tutto, mentre Antonino Spinalbese ed Edoardo Tavassi sono apparsi più restii. Quest’ultimo, in particolare, ha continuato a ribadire la genialità dello scherzo. Inoltre, ha sottolineato il fatto che tutto si sia svolto con il consenso del diretto interessato.

Il gruppo, alla fine, ha lasciato cadere la conversazione, ma sembrano che le cose non si siano affatto risolte.