Sophie Codegoni non ha mai avuto paura di esprimere le sue opinioni. Durante la scorsa edizione del Grande Fratello Vip ha sempre saputo mantenere i nervi ben saldi e argomentare quanto aveva da dire in modo sorprendentemente maturo e deciso.

Anche per il caso Marco Bellavia ha le idee molto chiare e avrebbe voluto vedere più vipponi fuori dalla Casa: “Dovevano andare via mano per la mano anche altre persone“, racconta ai microfoni di Casa Chi, dove da conduttrice è diventata intervistata nell’ultima puntata. Scopriamo che cosa ha detto.

Cosa pensa Sophie Codegoni dei provvedimenti del Grande Fratello Vip 7?

A Casa Chi oggi, oltre ad intervistare Pierpaolo Pretelli, è finita sotto le domande di Azzurra Della Penna e Valerio Palmieri, anche Sophie. La conduttrice dello spazio Instagram di Casa Chi è stata colpita dal comportamento dei vipponi verso Marco Bellavia e non fa sconti nei loro riguardi:

Sicuramente piano piano usciranno tutti quelli che sono stati coinvolti! C’è stata Ginevra che ha subito giustamente una squalifica perché ha parlato di bullismo, poi c’è stato chi non ha parlato di bullismo, ma l’ha fatto e quindi secondo me insieme a Ginevra e Ciacci dovevano andare via mano per la mano anche altre persone. Vi prendo per esempio Gegia, che secondo me è coinvolta direttamente in questa questione, ma poi ci sono tante altre persone che sicuramente sono sicura che il social leggendo e vedendo piano piano ad ogni televoto torneranno a casa“.

Il rapporto di sostegno e aiuto con Soleil Sorge all’interno del GF VIP 6

La vippona nel raccontare dei momenti più difficili e complicati all’interno della sua edizione non ha potuto non pensare a Soleil Sorge, con la quale hanno avuto un rapporto di amiche/nemiche, loro si sono ritrovate sempre, perché i coinquilini non hanno avuto la stessa spinta verso Marco, vedendolo in lacrime?

“Avere down all’interno di quella Casa è normale. Lì dentro ti trovi spaesati e hai tanti momenti di solitudine e di tristezza. – racconta l’ex vippona – La forza è proprio la famiglia che si crea, che va oltra al gioco, oltre alla nomination. L’anno scorso ci sono stati tante situazioni dove tanti di noi sono andati giù di morale. Ad esempio me e Soleil, potevamo litigarci e scannarci, ma quando una piangeva, l’altra c’era, ed era così tra di noi ma perché proprio secondo me è una questione di umanità. Vivi insieme ad una persona 24 ore su 24, ti viene d’istinto. Vedi una persona che piange, oltretutto scene come quelle che abbiamo visto ieri, Marco che piange, Marco per terra, ma come fai a non andare lì e dirgli come stai? hai bisogno di qualcosa? hai bisogno di sfogarti? Penso che sia normalità”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da 𝑪𝒉𝒊 (@chimagazineit)