Nikita Pelizon è una delle concorrenti del Grande Fratello Vip 7 più particolari. Su di lei Alfonso Signorini non si è ancora soffermato in nessuna diretta, ma la ragazza ha evidenziato fin dall’inizio comportamenti molto apprezzabili.

Quest’oggi per tutti i vipponi è una giornata molto particolare, dopo quanto accaduto ieri e spesso si sono riuniti per tirare le somme di una puntata che li ha completamente spiazzati. Ma mentre altri hanno sostenuto lamentele e recriminazioni per il modo in cui sono stati trattati, Nikita invece si è espressa in maniera totalmente diversa.

Nikita Pelizon tira le somme su quanto accaduto durante la quinta puntata del GF VIP 7

La mancanza di Ginevra Lamborghini al Grande Fratello Vip 7 si sente molto, soprattutto per Nikita che lì è diventata la sua migliore amica. Le due fin da subito hanno avuto un rapporto speciale, che sicuramente sarebbe continuato nel corso del reality show. Ieri l’ex concorrente di Pechino Express ha raccolto le cose della sua amica e le ha fatto le valigie, in lacrime, dispiaciuta per la sua squalifica.

🗣️ Segui Tutto.TV su Facebook, clicca Mi Piace!

Quest’oggi si è ritrovata a chiacchierare con Wilma Goich e Patrizia Rossetti su quanto accaduto. La vippona ha dichiarato di sentire di aver imparato da quanto accaduto:

Per me è una lezione quella che è successa ieri. Infatti Cristina prima di andare a letto mi fa: ‘È una giornata da dimenticare’ e invece per me no, è una giornata da ricordare”. 

L’ex viaggiatrice del programma Sky che si sta rivelando nel reality di Canale 5 come una persona molto bella, ha espresso la sua considerazione sulla squalifica di Ginevra Lamborghini:

“Capisco perfettamente la decisione del Grande Fratello. Ognuno di noi ha un lato di luce e un lato di ombra. Quella frase lì è uscita dal lato di ombra, però ha anche tanta luce lei“. 

Il desiderio di morte della vippona quando era adolescente

La ragazza ha confessato alle altre concorrenti di aver desiderato di morire e proprio per questo ora riesce ad apprezzare ancora di più la vita.

“A 16 anni ho pensato…Non ho scelto io di essere in vita, posso scegliere di andarmene. Stavo preparando il tutto per andarmene. Mi hanno fermata in tempo. La gratitudine è fondamentale e la musica è vita. Quando ho quei momenti faccio un pianto, lascio andare tutto e mi metto a cantare”.