Oggi, nel pomeridiano di Amici 22, i cantanti hanno avuto una grande opportunità: poter vedere prodotto il loro singolo prodotto. Tramite una gara di inediti è stato decretato il vincitore, ma il grande problema è stata la modalità di scelta con cui sono stati scelti i cantanti che potevano partecipare alla gara.

Infatti, solo tre di loro potevano prender parte alla competizione. A scegliere chi avrebbe dovuto partecipare sono stati proprio gli allievi, che non potevano autovarsi, ma scegliere chi tra i compagni, avesse un inedito forte da presentare alla giuria, costituita da Federica Gentile, speaker radiofonico di RTL 102.5.

Amici 22, la gara d’inediti genera una polemica: ecco chi la vince

I ragazzi chiamati a votare per la gara hanno scelto i compagni: Aaron con “Universale“, Tommy Dali con “Finisce bene” e infine Ndg con “Fuori“. Solo le tre persone con più voti avrebbero potuto partecipare. Quando sono stati rivelati i talenti che avrebbero cantato, Rudy Zerbi non l’ha presa bene e ha sottolineato che i ragazzi avrebbero dovuto fare scelte diverse. Infatti, a suo parere non si è tenuto conto di quanto effettivamente i singoli fossero radiofonici, ma piuttosto hanno scelto in base alle simpatie.

🗣️ Segui Tutto.TV su Facebook, clicca Mi Piace!

A pensarla così non è il solo. Infatti, Maria De Filippi dà la parola al cantante Niveo, che ha espresso il suo disappunto con queste parole:

“Non ci sono rimasto male ma magari un votino era carino”.

Non è il solo a pensarla così, infatti anche su Twitter in tanti hanno protestato per la sua assenza nella gara. A detta loro, una vera vergogna.

A vincere la gara è stato Aaron con il suo singolo “Universale”, allievo di Arisa. Secondo Federica Gentile il brano presenta anche elementi della generazione Zeta molto interessanti e non vede l’ora di vedere come uscirà dopo la produzione. Il cantante è entusiasta per la grande opportunità offertagli. Ha solo diciott’anni, Edoardo Bari (questo il suo vero nome), scrive canzoni da soli tre anni ed ha una voce veramente pazzesca.