Alfonso Signorini ha rilasciato un’intervista esclusiva a Tv Sorrisi e Canzoni, che troveremo in edicola a partire da domani, martedì 6 Settembre. Tuttavia gli stralci dell’articolo, già diffusi online, hanno creato parecchio scalpore.

Signorini parla di Giovanni Ciacci: “Sono voluto uscire per tempo per garantire la massima libertà di scelta”

Alfonso Signorini nella sua intervista esclusiva a Tv Sorrisi e Canzoni ha fatto alcune dichiarazioni che hanno dato adito ad una consistente polemica sul web. In particolar modo, le parole più invise ai più sono state quelle su Giovanni Ciacci.

Il conduttore del Grande Fratello Vip 7 ha dichiarato di aver dato l’ufficialità dello stylist sieropositivo come concorrente del reality per permettere agli altri concorrenti di scegliere se partecipare al programma o meno. Ecco le sue parole, riportate dal sito DavideMaggio.it:

Nessuno si è tirato indietro. Sono voluto uscire per tempo con questa tematica proprio per garantire la massima libertà di scelta ai concorrenti. Per fortuna tutti hanno capito che non c’è ragione di avere paura“.

Il direttore del settimanale Chi si dichiara molto convinto del valore di questo concorrente all’interno della settimana edizione, perché potrà così sensibilizzare e informare le persone su come si possa vivere con la sieropositività oggi, perché non è più una condanna a morte come negli anni ’80.

🗣️ Segui Tutto.TV su Facebook, clicca Mi Piace!

La polemica contro Alfonso Signorini: “Non oso immaginare come tratteranno il tema della sieropositività”

Sono stati tantissimi i commenti in merito a questa notizia. C’è stato chi ha accusato il direttore e conduttore di ipocrisia perché prima vuole sdoganare il tema della sieropositività e poi comunica la sua presenza nel cast affinché gli altri vipponi scelgano se stare o meno. Ma anche chi ritiene incapace Signorini di affrontare tali tematiche durante il Grande Fratello Vip 7. Infine, c’è anche stato chi ha pensato che “ci fosse qualcosa sotto”.

Chi avrà ragione? Lo scopriremo il 19 settembre o forse mai.