In questo periodo Nathaly Caldonazzo si sta rendendo protagonista di frasi piuttosto imbarazzanti all’interno della casa del Grande Fratello Vip. Dopo aver quasi rischiato la squalifica a causa delle dichiarazioni contro Jessica Selassiè e la sua famiglia, la showgirl si è resa protagonista di un’altra frase incresciosa. Vediamo cosa è successo.

I motivi per cui Nathaly Caldonazzo sta facendo parlare di sé al GF Vip

Al GF Vip si continua a parlare del Nathaly Caldonazzo Gate. La donna, infatti, qualche giorno fa pare abbia pronunciato delle frasi piuttosto gravi contro Jessica. Nello specifico, sembrerebbe averle dato della ladra proprio come suo padre. Come se non bastasse, poi, ha anche detto che le sorelle Selassiè sarebbero protette dagli zingari, in quanto loro stesse delle zingare.

Insomma, frasi che non sono affatto piaciute ai coinquilini e anche a molti telespettatori che, infatti, hanno chiesto l’immediata squalifica. Questo, però, non è avvenuto, anzi. La produzione del programma pare stia facendo di tutto per censurare questi episodi. Ogni qualvolta che i concorrenti ne parlano, infatti, sembra che la regia sia pronta a staccare subito il collegamento.

📰 Segui Tutto.TV su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando la stellina

L’ennesimo scivolone della showgirl nel reality show

Ad ogni modo, come se tutto quello che è già accaduto non fosse abbastanza, in queste ore Nathaly Caldonazzo si è resa protagonista di un altro scivolone nella casa del GF Vip. Durante una conversazione con Antonio Medugno, infatti, ha commentato l’atteggiamento di alcuni coinquilini verso il cibo.

A suo avviso, in molti si comporterebbero come dei veri assaltatori di vivande nel momento in cui c’è di mezzo questo argomento. Per tale ragione, ha detto: “Comunque calmatevi con sto cibo sembra davvero gli indigeni…cioè, oddio“. Antonio ha ascoltato lo sfogo della sua coinquilina e ha preferito non rispondere. Gli utenti del web, invece, si sono duramente scagliati contro la donna chiedendo alla produzione di prendere al più presto dei severi provvedimenti.