Tra i nuovi entrati al Grande Fratello Vip 6 durante l’ultima puntata andata in onda venerdì scorso, c’è anche il modello egiziano Samy Youssef. Il giovane, un pò come era successo con Manuel Bortuzzo che aveva raccontato la sua drammatica storia, non ha risparmiato il racconto della sua infanzia e di quando per arrivare in Italia ha dovuto prendere un barcone a soli 15 anni.

La commovente storia del modello egiziano al GF Vip 6

Samy Youssef oggi è un modello di fama internazionale, ma anche lui, come tanti altri giovani, ha dovuto vivere l’esperienza del barcone per arrivare in Italia. Parlando con Aldo Montano e altri compagni di avventura del GF Vip 6, Samy ha raccontato che da bambino adorava studiare e passare molto tempo sui libri. La famiglia, però, non navigava nell’oro e quindi è dovuto andare a lavorare ben presto come carpentiere con il padre. Fino a quando non ha dovuto compiere, a soli 15 anni, il lungo viaggio per venire in Italia e lasciare la sua famiglia, senza sapere se l’avrebbe mai rivista:

“Il barcone era affollatissimo, ero il più piccolo e in quel viaggio ho visto la mia morte. Quando ho visto l’Italia sono scoppiato a piangere. Grazie a questo paese ho trovato lavoro, ho girato il mondo. La mia vittoria più grande è stata riuscire a cambiare la vita alla mia famiglia”

Il sogno di Samy Youssef

Una volta arrivato a Catania, fu affidato ad una casa famiglia, poi il suo desiderio di incontrare Totti, lo spinse a prendere un treno per Roma, fino a quando non fu affidato ad una famiglia di Tarquinia. Il modello ha raccontato che è riuscito a prendere il diploma e poi di essersi trasferito a Milano, dove vive tuttora. Oggi il 26enne è un noto modello del brand Moschino.