Twitter ha deciso di limitare temporaneamente l’account ufficiale di Live – Non è la d’Urso per attività sospette. La scelta presa dal social network contro il profilo della trasmissione in onda la domenica in prima serata su Canale 5 sta facendo molto discutere: cosa può essere successo? A seguire tutte le ipotesi al momento percorribili.

Problemi di natura tecnica

L’ipotesi al momento più percorribile riguarda eventuali problemi di natura tecnica. Tra questi rientrerebbe un malfunzionamento dei servizi di ricondivisione impiegati da @LiveNoneladUrso, ma anche uno o più tentativi di accesso non autorizzati da parte di malintenzionati attraverso dei vecchi token di api che non vengono più utilizzate da tempo.

A tal proposito, segnaliamo il tweet di Alex Orlowski (esperto di sicurezza informatica), che in occasione della stessa limitazione subita dall’account Twitter del quotidiano Libero aveva segnalato che la causa potesse riguardare la presenza degli accessi ai profili Twitter e Facebook della testata giornalistica nel dark web.

📰 Segui Tutto.TV su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando la stellina

Se ciò fosse confermato anche in questo caso specifico, la scelta presa da Twitter sarebbe volta in realtà a proteggere il profilo Twitter di Live – Non è la d’Urso.

Segnalazione in massa da parte degli utenti dell’account @LiveNoneladUrso

Un’altra ipotesi gettonata in queste ore è una segnalazione in massa da parte degli utenti stessi su Twitter dell’account @LiveNoneladUrso. Il motivo sarebbe da ricondurre a un post che ha destato grande clamore durante la diretta di ieri sera, pubblicato dal profilo della trasmissione.

In pratica, il social media manager del programma televisivo chiedeva agli utenti di usare l’hashtag giusto. Il tweet termina chiaramente con una frase ironica, ma considerate le interazioni avute non tutti potrebbero aver capito la natura del messaggio, andando così a segnalare in massa l’account @LiveNoneladUrso.

Pubblicazione di contenuti che violino gli standard della comunità

La terza ipotesi, la meno probabile tra quelle citate, ha per oggetto la presunta pubblicazione di contenuti che violino gli standard della comunità. Come detto, si tratta dello scenario più irrealistico, dal momento che consultando il feed del profilo del talk show condotto da Barbara d’Urso non risulta alcun contenuto di questo tipo.

Cosa succede ora? Il precedente

Nel momento in cui vi scriviamo, l’account Twitter @LiveNoneladUrso presenta ancora l’avviso di limite temporaneo per attività sospette (foto in copertina), ma chiunque può visualizzare il profilo semplicemente cliccando sul pulsante Sì, mostra il profilo. Non si tratta dunque di una sospensione, come invece accaduto nel caso dell’account personale dell’ex Presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump, ma di un parziale limitazione.

Un caso analogo era accaduto, come accennato qui sopra, a inizio gennaio al profilo del quotidiano Libero, a cui poi era stata tolta la limitazione dodici ore dopo. Anche in quell’occasione vennero scritte numerose ipotesi su quanto potesse essere accaduto, ma una volta ritornato in possesso del profilo Twitter nemmeno Libero riuscì ad ottenere informazioni chiare da parte del social network.

Qualora, come sembra, si trattasse di un caso analogo a quello di Libero, dovremmo dunque aspettarci una riabilitazione completa di tutte le funzioni del profilo @LiveNoneladUrso già da questo primo pomeriggio.

Potrebbe interessarvi anche: Guendalina Tavassi e i video rubati