Kika si rifiuta di cantare come vuole Arisa: “Non mi piace, mi sento terribile”

Kika si rifiuta di cantare come vuole Arisa: “Non mi piace, mi sento terribile”

In un mondo normale, il maestro dovrebbe avere sempre ragione. In una scuola, e Amici lo è in tutto e per tutto, l’allievo non dovrebbe andare contro chi è stato messo lì per insegnare. Purtroppo per Arisa però, l’esperienza nella ventesima edizione di Amici non è iniziata proprio benissimo, anzi. Prima l’eliminazione di Giulio Musca, battuto nella sfida di sabato da Deddy, ora una nuova sfida che vede un’altra sua allieva, Kika, protagonista. La vincitrice di Sanremo con il brano Sincerità vuole tirare fuori il meglio dai suoi ragazzi, ma deve fare i conti con una neanche tanto velata opposizione da parte di quest’ultimi. Quanto successo in sala prove con Kika ne è la dimostrazione più lampante.

Il grande rifiuto di Kika

In vista della sfida di domani, Arisa ha scelto per Kika (vero nome Federica La Rocca) il brano Shallow di Lady Gaga. L’artista vorrebbe che la giovane facesse uscire durante l’inciso tutta la sua voce, ma in più di un’occasione la ragazza risponde di non sentirsela, fino a quando non molla definitivamente la presa lasciando esterrefatta la nuova insegnante di canto di Amici: “Ma come non ti piace? Va bene dai, e va bene dai”.

E quando Kika spiega le sue reali intenzioni con un non riuscitissimo “Me la voglio giocare bene, me la voglio giocare bene“, Arisa è ormai partita per la tangente: “Va bene, giocatela bene, va bene giocatela bene”.

📰 Segui Tutto.TV su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando la stellina

Qui sotto il video di quanto accaduto in sala prove.

Potrebbe interessarvi anche: Amici 20, daytime giovedì 3 dicembre: Arianna torna a lezione

Per saperne di più:

Condividi

Federico Pisanu

Appassionato di viaggi, da bambino volevo fare l'astronauta. Svanito il sogno aerospaziale mi sono appassionato alla scrittura, soprattutto in ambito tecnologico e televisivo. Per visione e mentalità sono inoltre affascinato da Steve Jobs e Michael Jordan.

Lascia un commento