Live – Non è la d’Urso, Iconize racconta la sua verità sulla finta aggressione: “Una persona mi ha spinto a fare brutte cose”

Live – Non è la d’Urso, Iconize racconta la sua verità sulla finta aggressione: “Una persona mi ha spinto a fare brutte cose”

Nelle passate settimane si è parlato molto della presunta aggressione omofoba ai danni di Iconize, sulla quale nessuno aveva dubitato fino a poco tempo fa. Infatti tutto è partito dalla casa del Grande Fratello Vip, quando Dayane Mello ha confessato a Tommaso Zorzi che Soleil le aveva detto che era stata tutta una messa in scena. A questo punto Soleil Sorge è andata a Pomeriggio Cinque più di una volta finché non ha vuotato il sacco dicendo che si era picchiato da solo con dei surgelati. Marco Ferrero, vero nome dell’influencer in questione, quindi sarebbe dovuto andare a Live – Non è la d’Urso per spiegarsi, ma ha cancellato all’ultimo minuto.

Nella puntata di domenica 18 ottobre 2020, però, lo abbiamo visto all’interno dello studio di Barbara D’Urso. Qui ha voluto raccontare la sua verità che, in qualche modo, aveva già accennato tramite i suoi profili social. Ma andiamo subito a vedere cosa ha raccontato nel salotto televisivo della conduttrice.

La verità di Iconize a Live – Non è la d’Urso

Come abbiamo già detto in precedenza, perciò, Iconize è stato ospite a Live – Non è la d’Urso nella puntata del 18 ottobre 2020 per raccontare la sua versione dei fatti. Finalmente, la cosa importante e che forse potrebbe creare sdegno nella maggior parte delle persone, è che ha confermato di aver finto l’aggressione omofoba. Ecco come ha iniziato a spiegare. Le sue parole le riporta anche il sito Fanpage:

Stavo passando dei giorni molto brutti. Avevo un ex ragazzo molto violento nei miei confronti, che però amavo tanto. Lui non riusciva ad amarmi, accettare la sua sessualità e se stesso, non riusciva a dirlo nemmeno ai suoi amici e tanto meno riusciva ad accettare me. Da lui io ho subito sia violenze fisiche che psicologiche. Me ne sono sempre vergognato, però purtroppo ero talmente innamorato da non riuscire nemmeno a raccontare questa mia storia alle persone, perché era un vampiro energetico per me.

Dopo aver negato fermamente di essersi dato un surgelato in faccia, tanto meno per ottenere qualche consenso dai suoi followers, ha continuato parlando della relazione tossica nella quale era coinvolto:

Mi ha spinto a fare tante cose brutte questa persona, tra cui questa che è successa. Mi tradiva con donne, una volta sono stato via per lavoro da casa mia e ho saputo che mi ha tradito sul mio letto. Questa storia la conosce solo la mia psicologa, ancora adesso mi fa male parlarne. Io volevo stare con lui, uscire e stare mano nella mano e non potevo. Prendevo anche dei tranquillizzanti perché non riuscivo a dormire la notte.

A questo punto, quindi, Iconize rivela a tutto il pubblico di Live – Non è la d’Urso come si è fatto quei lividi e cosa è successo davvero secondo la sua ricostruzione dei fatti:

Quella sera ho avuto una crisi di panico e ho sbattuto la testa contro una porta, mi tiravo dei pugni e mi sono causato dei lividi. Il giorno dopo ricordavo la metà di quello che avevo fatto e non avevo il coraggio di raccontarlo nemmeno ai miei amici, mi vergognavo di quello che era successo. A loro ho raccontato di un’aggressione, non avevo la forza di raccontare cosa una persona mi aveva portato a fare. Da lì ho pensato di poter dare un’altra verità.

Iconize e il percorso psicologico

Alla fine, poi, Iconize ammette a Live – Non è la d’Urso di star affrontando un percorso psicologico per tentare di ritrovare una stabilità. Secondo quanto ha detto, infatti, sembra avere un rapporto tossico con i social, una vera a propria dipendenza:

Sto iniziando un percorso con delle persone che possono aiutarmi, anche perché la mia è una dipendenza da social. Questa storia mi ha logorato dentro, mi ha distrutto. Al tempo cercavo attenzioni, avevo pochi amici e le persone mi allontanavano perché stufe del mio stato d’animo. Sono arrivato a farmi del male in una sera di crisi totale e poi ho cambiato la verità.

Speriamo che questa sia davvero la verità e che non spuntino altre dichiarazioni sulla questione. Nel caso in cui così fosse, perciò, non possiamo che augurare a Iconize buona fortuna per la strada che si accinge a prendere dopo aver disattivato il suo account Instagram.

📰 Segui Tutto.TV su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando la stellina

Potrebbe interessarti anche: Striscia la notizia consegna il tapiro a Iconize: “Sotto c’è tanto altro”

Condividi

Nicolò Figini

Lascia un commento