No alle mascherine trasparenti in Tv per contrastare il coronavirus. Secondo il Cts non sono sicure e danno un messaggio sbagliato. Il Comitato Tecnico Scientifico ha così condannato l’uso di questo tipo di mascherine in televisione e in vari programmi Rai e Mediaset.

Il Cts condanna le mascherina trasparenti contro il Covid-19

La prima segnalazione era arrivata qualche settimana fa, quando gli utenti si erano lamentati delle mascherine trasparenti usate a Uomini e Donne. Già in quel frangente, erano giunte delle proteste da parte dei telespettatori che non condividevano l’uso di quel tipo di mascherine in TV. Alla fine è intervenuto il Cts che le ha condannate perché non sono dispositivi adatti a proteggere chi li indossa dal Covid 19. Secondo il Comitato, inoltre, far indossare quel tipo di mascherine, offre anche un messaggio sbagliato  al pubblico, che vedendo molti personaggi e protagonisti del piccolo schermo indossarle potrebbero pensare che sono utili per contrastare il coronavirus.

Il Cts ha chiesto la loro eliminazione da tutti i palinsesti televisivi nonostante l’intento dei programmi fosse chiaro: far indossare quel tipo di mascherina per rendere i volti visibili. Molto presto, insomma, le mascherine trasparenti potrebbero sparire del tutto.

📰 Segui Tutto.TV su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando la stellina

I programmi dove abbiamo visto le mascherine trasparenti

Il programma di Maria De Filippi non è l’unico dove le famose mascherine in plastica trasparenti hanno fatto la loro comparsa. Ma quali sono i programmi dove il pubblico o gli stessi protagonisti le indossano. Oltre a Uomini e Donne, le abbiamo viste a Tale e Quale Show, Pomeriggio Cinque, Che Tempo che Fa e Name that Tune.

Secondo gli scienziati, questo tipo di mascherine non sono efficaci perché non in grado di bloccare il diffondersi delle goccioline di saliva. Possono bloccare uno starnuto o un colpo di tosse ma non possono impedire alle goccioline di diffondersi e spargersi all’esterno. Insomma, molto probabilmente non le vedremo più e Rai e Mediaset dovranno trovare una valida alternativa.