Ares Gate, i retroscena sulla denuncia contro Sabrina Ferilli dopo la sua uscita dalla Ares Film

Ares Gate, i retroscena sulla denuncia contro Sabrina Ferilli dopo la sua uscita dalla Ares Film

Giorno dopo giorno, si aggiungono nuovi tasselli all’Ares Gate, lo scandalo legato alla casa di produzione Ares Film sollevato dalle dichiarazioni choc di Adua Del Vesco e Massimiliano Morra al Grande Fratello Vip 5. L’ultimo riguarda la celebre attrice Sabrina Ferilli, che guardacaso ha fatto parte della stessa agenzia a cui appartenevano prima anche Adua e Massimiliano. Cerchiamo di capire meglio di cosa si tratta e perché anche la Ferillona nazionale sarebbe coinvolta nel caso.

Le foto su Oggi di Sabrina Ferilli e Francesco Testi, poi la denuncia

Andiamo con ordine. Sabrina Ferilli per la Ares Film è protagonista in Caldo criminale (2010) e Baciamo le mani – Palermo New York 1958 (2013). Le date tra parentesi fanno riferimento alla messa in onda delle due serie TV, non a quando vennero girate. Non è un dettaglio da trascurare, in quanto quando su Oggi fu pubblicato lo scatto del presunto bacio tra Sabrina e Francesco (estate 2012), la Ferilli – a quanto emergerebbe dalla ricostruzione del puzzle – aveva già lasciato la Ares.

La domanda è: sapendo che l’attrice era sposata da un anno con l’attuale marito Flavio Cattaneo, è stato un modo per metterla in difficoltà volontariamente?

Non è nemmeno passato inosservato il riferimento che la stessa Ferilli ha fatto ad Alberto Tarallo – il numero uno della Ares Film e la persona a cui farebbero riferimento sia Adua che Morra quando parlano di Lucifero – rigettando al mittente il falso scoop: “Lui – riferendosi a Francesco Testi – cerca solo pubblicità. Sono foto di scena, mai avuti rapporti intimi con Testi. Lui è profondamente legato al produttore di Baciamo le mani, Alberto Tarallo, il quale non ha mai nascosto il progetto di volerlo trasformare in un nuovo Garko“.

📰 Segui Tutto.TV su Google News, selezionaci tra i preferiti cliccando la stellina

A seguito di queste dichiarazioni, arrivò immediata la denuncia di Francesco Testi con l’accusa di diffamazione. Alla luce però dei fatti che sono emersi in questi ultimi giorni, sono in tanti a domandarsi se dietro alla denuncia dell’attore non ci sia in realtà una regia occulta, volta a destabilizzare Sabrina Ferilli, “colpevole” di aver lasciato la nota casa di produzione (oggi fallita).

La verità di Francesco Testi

In attesa di una dichiarazione da parte della Ferilli sul caso, è tornato a parlare Francesco Testi, anche lui uscito dalla Ares Film nel 2015, dopo aver preso parte al set della quarta stagione de L’Onore e il Rispetto. A distanza di cinque anni, Testi ha raccontato per la prima volta ciò che lo spinse a lasciare:

Il paradigma su cui si fondava il progetto lavorativo era l’assoluta dedizione al lavoro e l’impossibilità di avere legami affettivi stabili. Quando ho preso una “sbandata” per una donna, sono venuto meno al paradigma: ciò che prima non mi pesava, diventava improvvisamente un’imposizione. Ne sono scaturite forti divergenze di opinione e un diradamento costante dei rapporti personali con i produttori.

Oggi, Francesco Testi è ancora fidanzato con Reda, l’attrice di cui si era innamorato mentre faceva parte della stessa agenzia di Adua Del Vesco (a cui non ha mancato di esprimere la propria vicinanza) e Massimiliano Morra.

Potrebbe interessarvi anche: Adua Del Vesco, tutti i paurosi indizi che fanno pensare alla setta

Condividi

Federico Pisanu

Appassionato di viaggi, da bambino volevo fare l'astronauta. Svanito il sogno aerospaziale mi sono appassionato alla scrittura, soprattutto in ambito tecnologico e televisivo. Per visione e mentalità sono inoltre affascinato da Steve Jobs e Michael Jordan.

Lascia un commento