Cosa può fare il pensiero positivo?

pensiero-positivo

Il pensiero positivo come strumento di miglioramento personale

Il pensiero positivo rappresenta un modo per volgere la vostra vita verso il meglio: innescando, infatti, questo nuovo modo di pensare riuscirete ad ottenere obiettivi prima impensati. Il funzionamento che sta alla base del pensiero positivo è davvero molto semplice: se comincerete a pensare un modo positivo a voi stessi e a quello che vi succede, inizieranno a capitarvi solo cose positive; se , invece, inizierete a pensare solo in termini negativi, vi succederanno solo cose negative. Questo che ho appena descritto corrisponde ad un meccanismo psicologico del pensiero e dell’azione che si chiama “Legge di Attrazione”.

Tuttavia, se il pensiero positivo non vi viene naturale, non è detto che non possiate ovviare a ciò con l’esercizio e la pratica. Ecco, infatti, una serie di strategie di pensiero positivo che possono aiutarvi a superare i modelli negativi che vi hanno impedito di raggiungere i vostri obiettivi in passato. Si tratta di strade diverse che potete percorrete, scegliendo ogni volta quella giusta a seconda della situazione che dovete affrontare o del problema che dovete risolvere. Cercate di tenerle sempre a mente ogni volta che vi trovate ad essere eccessivamente critici di voi stessi: vi aiuteranno sicuramente a modificare il vostro modo di pensare, indirizzandovi verso una maggiore positività nell’affrontare la vostra vita e tutto quello che vi succede.

pensiero positivo

 

1. Evitate assoluti ed esagerazioni

La prima strategia  che risulta senza altro utile per migliorare il proprio modo di pensare e sviluppare un pensiero positivo consiste nel correggere la propria voce interiore ogni volta che si esagera, soprattutto quando si esagera in negativo. “Non riuscirò mai a fare quella cosa” oppure “E’ impossibile che riesca ad ottenere quel risultato” sono affermazioni che spesso non hanno nessuna attinenza con la realtà, ma che finiscono per diventare delle verità assolute che alimentano solo senso di sconforto e impotenza e impediscono al pensiero positivo di attecchire. Quando vi accorgete di esagerare o di utilizzare un assoluto, provate subito a riformulare quello che state dicendo, ad esempio: “In passato non sono riuscito ad ottenere quel risultato”. In questo modo, aprirete le porte al pensiero positivo e vi sentirete molto più sicuri di voi stessi e delle vostre capacità.

2. Bloccate sul nascere i pensieri negativi

Il modo migliore per fermare i pensieri negativi, e affermare il pensiero positivo, consiste nel bloccarli non appena si presentano. Se li lascerete correre, dopo potrebbe essere molto più difficile fermarli! La prossima volta che inizierete a pensare in modo negativo su voi stessi e a dubitare delle vostre capacità, intervenite subito per fermare questa spirale di critiche interne: del resto, avete mai consentito a qualcuno di lanciare un mare di insulti contro la vostra persona senza tentare almeno di difendervi?

3. Abbiate un pensiero positivo anche verso voi stessi

Spesso, senza rendersene conto, le persone smettono di volersi bene. L’amore verso sé stessi è la prima forma di conservazione dell’uomo e il primo passo verso l’adozione di un pensiero positivo: iniziando a concentrarsi solo sui difetti, e non sulle qualità, alla fine si finisce col diventare i peggiori nemici di noi stessi. Questo non significa essere perfetti: tuttavia essendo troppo duri con voi stessi finirete con l’ingigantire gli aspetti negativi, perdendo di vista qualità e punti di forza. Cercate dunque di avere un pensiero positivo anche su voi stessi , perdonandovi qualche cattiva abitudine o qualche piccola nota negativa del vostro carattere.

4. Scegliete obiettivi raggiungibili

Avere un pensiero positivo anche verso sé stessi significa anche essere consapevoli dei propri limiti. Tutte le persone hanno punti deboli e possono avere momenti imbarazzanti e battute di arresto. Se scegliete degli obiettivi troppo elevati, alla fine potreste sentirvi davvero inadeguati a raggiungere quel risultato. Tutto quello che dovete fare, per aggiungere positività alla vostra vita e ottenere più in fretta un pensiero positivo, è riformulare i vostri obiettivi in modo molto più concreto o più semplice. Ad esempio, se il vostro obiettivo fosse quello di diventare ricchi, provate a rimodularlo in “vorrei ottenere al più presto un aumento di stipendio” oppure “mi piacerebbe fare un’attività più remunerativa”: s’intuisce già da sé che questi sono obiettivi meno fumosi e sicuramente molto più raggiungibile della generica affermazione “voglio diventare ricco”.

5. Vivete al presente

Rimuginare sul passato è un atteggiamento sbagliato quasi quanto l’avere solo pensieri negativi su voi stessi. Utilizzare  costantemente espressioni come “avrei dovuto”  è solo un modo per  punire sé stessi per qualcosa che è andato storto. Cercate invece di vivere al presente ed di andare avanti, evitando di trascinare esperienze e fatti passati nella vostra vita attuale perché questo impedisce al pensiero positivo di prosperare. D’accordo, dagli errori si può sempre imparare: ma continuare a punirsi per qualcosa che ormai è passato non fa che rendere la vostra vita un inferno. Lo stesso discorso vale per il vostro atteggiamento nei confronti del futuro: evitate di rimandare a domani quello che potete fare oggi. Ogni volta che non vi sentite ancora pronti per fare una cosa, chiedetevi se la vostra insicurezza è reale o legata ad un modo negativo di vedere le cose. Se volete aprire le porte al pensiero positivo, non dimenticate mai di ripetere a voi stessi: “Io so che posso!”.

6. Sostituite la critica con l’incoraggiamento

Invece di concentrarvi sulle considerazioni negative, sostituite la critiche nei vostri confronti con l’incoraggiamento. Se inizierete a darvi suggerimenti costruttivi invece di essere soltanto critici verso voi stessi, è probabile che la vostra vita inizierà fin da subito a dirigersi verso il meglio! Iniziare a sostituire affermazioni del tipo “io non riesco a fare questo”, con frasi di incoraggiamento quali “forse se provassi a fare così riuscirei a raggiungere prima quell’obiettivo”. Vedrete che, così facendo, ogni traguardo vi sembrerà ogni giorno più vicino e realizzabile.

7. Non sentitevi responsabili per gli errori altrui

Non tutto quello che vi accade è colpa vostra. Se fra le persone che frequentate ce ne sono alcune che pensano male di voi o si comportano male nei vostri confronti, non è detto che questo tipo di comportamento sia legato ad un vostro errore. Non addossatevi la responsabilità per tutto quello che succede: cercare di influenzare positivamente la vita degli altri può essere una bella cosa, ma se gli altri continuano a indulgere in comportamenti sbagliati di certo la colpa non è vostra. Potete provare a dare dei consigli, ma cercare di costringere qualcuno ad avere come voi un pensiero positivo il più delle volte è solo spreco di energia!

8. Siate responsabili delle vostre sensazioni

Così come non si può fare felici gli altri, non aspettatevi che siano gli altri a fare felici voi! La felicità personale dipende quasi esclusivamente da noi stessi e da come ci comportiamo nei confronti delle cose che ci succedono. Far entrare il pensiero positivo nella nostra vita corrisponde anche ad modo certo per apprezzare ciò che c’è di buono nella nostra esistenza e per essere felici. I sentimenti di gioia, entusiasmo, allegria e passione non possono attecchire su un terreno intriso di negatività, dolore e senso di colpa prevalgono. Dovrete essere voi a rendere fertile il vostro animo allo scopo di coltivare la vostra felicità.

9. Non lottate contro i mulini a vento

Essere ostinati può essere una qualità fin tanto che non diventate dei Don Chisciotte che combattono contro i mulini a vento. Se ci sono delle persone che non vi accettano, o hanno dei pregiudizi nei vostri confronti, potete fare alcuni tentativi per farvi accettare dopodiché, se non ci riuscite, accettate le cose per quelle che sono. Datevi il permesso di decidere quando state facendo qualcosa al meglio delle vostre possibilità. Se c’è qualcosa che sfugge al vostro controllo, non ostinatevi a volerla cambiare per forza. Rischierete di alimentare sfiducia e frustrazione, danneggiando il vostro pensiero positivo. Quando siete soddisfatti di qualcosa, datevi una pacca sulla spalla o un buffetto sulla guancia e dite a voi stessi: “Oggi ho lavorato davvero bene”.

10. Lavorate sulla vostra autostima

Anche avere maggiore fiducia in voi stessi vi può aiutare a sviluppare un pensiero positivo. L’autostima è un sentimento che, come la felicità, deve essere coltivato. Come? Innanzitutto avendo maggiore fiducia in voi stessi e nelle vostre possibilità: a tale scopo, vi saranno molto utili le strategie 1, 2 e 3 che vi invitano ad una maggiore clemenza verso voi stessi. Un altro elemento utile per rafforzare la vostra autostima, e per questa via anche il pensiero positivo, sono i complimenti altrui. L’incapacità di accettare i complimenti rappresenta un grosso ostacolo alla vostra crescita personale: non accettando il regalo di un complimento, oltre a ferire i sentimenti del donatore, danneggiate anche voi stessi perché dimostrate di non sentirvi degni di quel dono.

 

 

Lascia il tuo commento:

commenta