Ecco come non pagare il canone RAI!

non-pagare-il-canone-RAI

Come non pagare il canone RAI? Ma è davvero possibile?

La nuova legge di Stabilità include il canone nella bolletta della luce spalmandolo su dieci mesi. Allora, come non pagare il canone RAI se è legato alla fornitura elettrica?non pagare canone RAI

Prima di vedere come non pagare il canone RAI andiamo ad esaminare la questione.  Il canone televisivo, impropriamente e comunemente detto canone RAI, era la tassa per ricevere il servizio pubblico offerto dalla RAI ma, di recente è stato trasformato in imposta sulla detenzione di “apparecchi atti o adattabili alla ricezione di radioaudizioni televisive” come cita la Sentenza 26 giugno 2002, n. 284.

Sono diversi anni ormai che diverse forze politiche e diverse associazioni si oppongono al pagamento di questa imposta e chiedono il diritto di non pagare il canone RAI. Alcuni membri della Lega Nord ne hanno fatto un cavallo di battaglia. Nel video riportato in fondo all’articolo, l’On. Davide Caparini di Lega Nord e Autonomie definisce il canone:

  • una vecchia idea nata quando le televisioni neanche esistavano: il canone era giusto quando è stato pensato e introdotto, non oggi;
  • iniquo socialmente perché colpisce indiscriminatamente: va pagato da tutti, non importa se pensionato o se lavoratore attivo, se possidente o indigente;
  • iniquo territorialmente: perché non tiene conto delle diverse situazioni sul territorio (ci sono casi sul territorio nazionale di persone che non ricevono i canali RAI ma devono pagare lo stesso il canone televisivo);
  • le modalità di riscossione del canone sono lesive del rapporto tra Stato e cittadino;
  • non pagare il canone RAI significa essere contro i tagli dei fondi all’editoria e alle emittenti locali: 1,7 miliardi di euro dell’imposta andranno solo alla RAI.

Secondo l’On. Davide Caparini, bisogna non pagare il canone RAI perché è una imposta sbagliata, per il pagamento di un servizio di opinabile qualità. Sempre secondo il rappresentante della Lega Nord, la RAI viola la privacy dei cittadini attingendo a indirizziari, per andare a controllare porta a porta il pagamento del canone, ai quali non dovrebbe poter accedere. Non pagare il canone RAI è cosa buona e giusta quindi secondo la Lega. Secondo gli esponenti del partito del carroccio, il canone va ammodernato sia nei termini sia nelle modalità di riscossione. Nel frattempo chiede a tutti di fare una obiezione fiscale e non pagare il canone RAI.

Veniamo a nocciolo della questione: è possibile non pagare il canone RAI?

La risposta è un po’ più complicata di un semplice Sì o un No, non dimentichiamo che non pagare il canone RAI è evasione fiscale! Ma allora chi può non pagare il canone RAI?

Visto che il canone televisivo è inserito nella bolletta della fornitura elettrica, bisogna scindere le due cose: non pagare il canone RAI non significa farsi staccare la corrente! Per chiedere di non pagare il canone RAI bisogna effettuare una richiesta: innanzitutto c’è da compilare un modulo (che ho inserito alla fine di questo articolo) da inviare con raccomandata A/R all’ufficio dell’agenzia delle entrate di Torino o da consegnare a mano in un qualsiasi ufficio delle entrate. Vediamo ora chi può non pagare il canone RAI:

  • le persone con almeno 75 anni di età e un reddito familiare non superiore a 6713,98 euro annui;
  • possono non pagare il canone RAI gli inquilini con casa data in affitto, la cui utenza della luce sia rimasta intestata al titolare dell’immobile, ma la disponibilità del televisore è solo degli inquilini;
  • chi non ha in casa la televisione;
  • seconda casa:anche se solo in caso di errore dovrebbe porsi questo problema perché secondo le previsioni della legge di Stabilità 2016, l’imposta sarà addebitata solo sulle abitazioni principali adibite a residenza del nucleo familiare. Sarà compito della società erogatrice evitare l’addebito a monte per le ulteriori case dell’utente. La normativa sul canone televisivo permette ad un utente di non pagare il canone RAI per altri apparecchi televisivi o altri immobili posseduti: un canone corrisponde ad un nucleo familiare;
  • si può chiedere di non pagare il canone RAI per altre cause come la volontà personale del contribuente di sottrarsi alla imposizione fiscale, senza poter poi evitare le conseguenze previste dalla legge.

Abbiamo già detto che non pagare il canone RAI non significa subire l’interruzione del servizio elettrico e che non pagare il canone RAI significa evadere le tasse, a meno che non si faccia parte delle categorie sopra elencate. Vediamo ora le conseguenze del non pagare il canone RAI se non si è esenti:

  • Si subirà un accertamento dell’Agenzia delle Entrate e un eventuale controllo della Guardia di Finanza.
  • Si può incorrere in una sanzione pecuniaria fino a cinque volte l’importo del canone.
  • La riscossione viene affidata a Equitalia, in caso di ulteriore inadempimento, che deciderà come procedere.

 

Riportiamo a seguire il modulo.

Dichiarazione sostitutiva di certificazione

(art. 46 D.P.R.28 dicembre 2000 n. 445 )

 

1) Spettle. Agenzia delle Entrate, ufficio Torino 1, SAT Sportello Abbonamento TV

Cas. Postale n. 22, 10121 Torino

2) Spett.le Società dell’Energia Elettrica ………………

Oggetto: autocertificazione di non possesso del televisore; esenzione dal pagamento del canone Rai

La/Il sottoscritta/o ……………… residente in ………………, (cap) ………………, (città/Prov.) ………………, consapevole che chiunque rilascia dichiarazioni mendaci è punito ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia, ai sensi e per gli effetti dell’art. 46 D.P.R. n. 445/2000

DICHIARA

di non avere il possesso di alcuna televisione con riferimento all’utenza di energia elettrica di cui al contratto n. ……………… stipulato in data ……………… con la società ……………… relativo all’immobile sito in ……………… via ……………… (cap) ……………… (prov) ………………

oppure:

che l’utenza di energia elettrica di cui al contratto n. ……………… stipulato in data ……………… con la società ……………… relativo all’immobile sito in ……………… via ……………… (cap) ……………… (prov) ……………… si riferisce a [a seconda del caso]:

– immobile adibito a seconda casa

– residenza estiva

– immobile dato in locazione

e che, pertanto, non è dovuto alcun canone Rai, essendo lo stesso già collegato al contratto n. ……………… stipulato in data ……………… con la società ……………… relativo all’immobile sito in ……………… via ……………… (cap) ……………… (prov) ………………

Firma

…………………

Lascia il tuo commento:

commenta