Ecco l’ultima originale trovata del dittatore nordcoreano!

Moranbong

Moranbong? La girl band di Kim Jong-un. L’ultima trovata del dittatore nordcoreano che ci ha già abituato a stranezze e singolari manie.

Kim Jong-un il leader supremo della Repubblica Popolare Democratica di Corea dal 28 Dicembre 2011, fa di nuovo parlare di sé con le Moranbong. Questa volta la notizia non è legata a test nucleari o all’improvvisa sparizione di uno dei suoi consiglieri, e nemmeno fa notizia il suo ormai discutibile e celeberrimo taglio di capelli, ma alla musica.

Alla ricerca di un nuovo sound per la Corea del Nord: le Moranbong

Probabilmente, per un amante della musica come Kim Jong-unche frequenta personalmente la prestigiosa Università di musica Kim Won Gyun di Pyongyang, devono essere sembrate inadeguate e poco funzionali ai suoi scopi le opere liriche composte da suo padre ispirate ai compositori italiani e a Tchaikovsky che si ascoltavano nel Paese prima della sua proclamazione. Avrà voluto trovare qualcosa di più moderno, più in linea con i tempi, e così ha pensato di creare e dar vita personalmente alle Moranbong, la sua pop band di musica elettronica. E’ stato infatti, Kim Jong-un in persona, a scegliere le migliori musiciste, tutte ragazze, che formano le Moranbong. Per Kim Jong-un quest’operazione fa parte di “un grandioso piano per portare una svolta nell’arte, nell’anno che segna l’inizio di un nuovo secolo della Corea Juche” (anno 101, secondo il calendario nordcoreano che parte dalla nascita del fondatore della dinastia, antenato di Kim Jong-un).

Il debutto delle Moranbong di Kim Jong-un

Il primo concerto delle Moranbong è del 6 luglio 2012, quando il gruppo di ragazze si esibisce davanti a Kim Jong-un e ad un gruppo di ufficiali. Sul palco suonano 18 musiciste che compongono le Moranbong, in abiti occidentali, guidate da Seon-u Hyang-hui, bellissima violinista ex membro della Samjiyon Band. Gli strumenti sono principalmente elettrici e parte del repertorio è composto da pezzi stranieri, tra cui il tema di Rocky e un medley di motivi della Disney. Il dittatore dimostra di gradire l’esibizione delle Moranbong, tecnicamente perfetta.

Qual è il vero ruolo delle Moranbong?

Quello che è  il vero intento di Kim Jong-un è molto lontano da un mero intrattenimento artistico ed è quello, prioritario, di propagandare i messaggi del regime attraverso la band delle Moranbong, e creare e definire un nuovo prototipo di immagine femminile nella nazione. Le Moranbong sono diventate idoli delle masse, potrebbero sembrare ragazze moderne e libere ma al contrario, sono totalmente sottomesse, come il resto del popolo nordcoreano, privato di ogni libertà e pieno di limiti a livello economico e sociale, al volere di Kim Jong-un.

La manipolazione e l’influenza del dittatore sulle Moranbong

Nel concerto di Capodanno del 2013, le Moranbong presentano un nuovo brano, Without a Break, un pezzo dance-epico dedicato al lancio del missile spaziale Unha-3. Durante l’esecuzione del brano, tra l’acclamazione del pubblico, nello schermo alle loro spalle, viene proiettato il filmato di un missile che fa esplodere la Terra. Tutte le componenti delle Moranbong sono costrette a seguire una dieta, ad indossare abiti militari (tutte assumono gradi dell’esercito) e a tagliarsi i capelli portando una versione femminile del taglio di Kim Jong-un. Le canzoni proposte sono quasi solamente dedicate alla grandezza di Kim Jong-un, alla sua famiglia e alla sua dinastia e qualsiasi riferimento estetico a un benessere borghese viene eliminato.

Al primo concerto del 2014 quattro musiciste delle Moranbong, compresa la leader Seon-u, non sono presenti. La sparizione delle quattro Moranbong non è passata inosservata, e visti i terribili precedenti di Kim Jong-un, ha fatto temere che fossero state uccise. Notizia che per fortuna non è stata confermata, almeno per il momento.

Lascia il tuo commento:

commenta